Citazioni dai testi del Cerchio Ifior 1

Brevi brani utili alla meditazione personale tratti dai post del Cerchio Ifior.

15. Il 90% delle volte, quando avete picchi emotivi così forti come la rabbia, si tratta di meccanismi di difesa, quindi bisogna che riusciate ad arrivare a comprendere da che cosa vi difendete.
Potreste difendervi da quello che vi sembra che gli altri vi stiano facendo, dalla paura di osservare voi stessi, dall’incapacità d’interagire in maniera tranquilla con gli altri; ci sono mille e mille ragioni diverse…(Da A34)

continua..

Il senso di colpa e gli archetipi transitori [sf19]

La prima cosa che potremmo cercare di fare è cercare di capire qual è l’origine dei sensi di colpa. È però necessario, prima di tutto, fare una distinzione che sembra apparentemente assurda, ma che, in realtà, ha un’importanza fondamentale per sviluppare il nostro discorso.

continua..

Una ricapitolazione dei temi dell’insegnamento [IF83.4focus]

[…] Ma il nostro scopo non è quello di dirvi «Le cose stanno così perché le diciamo noi!»: una posizione di questo tipo è troppo comoda e facilmente strumentalizzabile al fine di ottenere, mantenere e, possibilmente, perpetuare l’acquisizione di potere sulla mente delle masse. 

continua..

Lo strumento della logica per avvicinarsi alla Realtà dell’Uno [IF83.3focus]

[…] In realtà noi stessi, nel momento in cui parliamo di “comprendere l’Uno” stiamo dicendo – a voler essere buoni – una corbelleria, in quanto l’Uno non può essere capito dalla mente di ognuno di voi né compreso dal vostro stesso corpo akasico: l’Uno, come avevo cercato di portarvi a comprendere, può soltanto essere “sentito”.

continua..

Perché esiste il libero arbitrio [IF82focus]

La libertà. Vi scandalizzereste molto se vi dicessi che la libertà è una parola senza senso? Come qualcuno – secondo me, giustamente – diceva, tra di voi, “ma libertà da che cosa?”. Chi di voi mi sa dire libertà da che cosa?

continua..

L’illusione e l’immagine che si ha di se stessi [sf17]

[…] Abbiamo, quindi, appurato che il “Deus ex Machina” dell’illusione alla fin fine è l’Io. È ovvio che, se questo meccanismo che crea l’illusione esiste, vi sono delle motivazioni coerenti con tutta la realtà e voi sapete benissimo che l’illusione è un meccanismo necessario a ricevere le spinte per avanzare nell’evoluzione

continua..