Favola: affrontare le situazioni senza paura e rassegnazione

C’era una volta in un paese – e non vi dico qual era – un uomo che si chiamava Binda. Una mattina quest’uomo si svegliò e non riusciva più ad alzare la testa, ma continuava a restare con il capo completamente piegato in avanti e pesante.
Era un uomo abbastanza anziano che viveva solo in casa; era povero, non aveva amici e non aveva parenti, così non si curò di andare dal dottore perché «Ormai sono vecchio, cosa posso farci? Sono destinato, si vede, a finire i miei giorni in questo modo!» si diceva.
E così, giorno dopo giorno, si trascinava per le strade sempre con la testa verso il basso e il collo piegato, continuando a fissare i piedi e il terreno che calpestava.
Poi, un giorno – dopo giorni, settimane, mesi passati nel dolore e nel dispiacere (perché in realtà continuava a dire: «Guarda come sono mal preso, guarda qua, guarda là,») – incontrò all’angolo della strada un predicatore.
Sentendo la folla che sussurrava chiese, sempre con lo sguardo a terra, a un vicino: «Ma chi è quest’uomo che sta parlando? Vedo tutti questi piedi intorno a me, sento tanta emozione nell’aria!»
L’altro gli disse che era un sant’uomo che andava in giro a predicare e che si diceva sapesse tutto di tutti, oltre a saper dare sempre buoni consigli e parole buone.
Aspettò che il predicatore avesse finito il suo discorso e, dopo avere pensato: «Chissà se si degnerà di dire qualcosa anche a me!» aspettò che la gente, un po’ alla volta, se ne andasse, poi, sempre con la testa china e fissando la terra, si avvicinò al predicatore e gli disse:
«Sant’uomo, tu che sai tutto di tutti, che conosci i malanni di tutti, vedi come sono ridotto: sono mesi ormai che sono in queste condizioni. Ho il collo piegato e continuo a guardare la terra e, sai, mi piacerebbe anche vedere il cielo qualche volta, ma mi toccherebbe fare le contorsioni per vederlo! Hai qualche cosa per me, puoi dirmi qualche cosa?»
Il predicatore stette un po’ in silenzio e poi disse:
«Buon uomo, sono mesi, hai detto, che sei in queste condizioni. Ma toglimi una curiosità: da quant’è che ti maceri nel tuo dolore e non provi ad alzare la testa?».
E se ne andò.


Politica della privacy di questo sito da consultare prima di commentare, o di iscriversi ai feed

Ti avviso quando esce un nuovo post.
Inserisci la tua mail:

 

6 commenti su “Favola: affrontare le situazioni senza paura e rassegnazione”

  1. Non è sempre facile alzare la testa, dipende molto anche dal contesto in cui ti trovi a vivere, ciò non toglie che bisogna provare a farlo. Partendo sempre da un base di fiducia,naturalmente

  2. Avrei voluto rispondere all’anziano Binda che se proprio ci teneva a vedere il cielo, avrebbe dovuto semplicemente stendersi a terra e alzare lo sguardo … per fortuna sua, ha incontrato un saggio!!!

Lascia un commento