Spero che, nel fragore del tuo Io, tu riesca a percepire la mia voce

La società in cui vi trovate ad operare assilla le vostre esistenze con i suoi problemi, bombardandovi di fatti, notizie, luci, suoni, vibrazioni contrastanti. Questa ridda di elementi lascia l’individuo sospeso tra ciò che vorrebbe il suo Io e ciò che la sua coscienza interiore sente come giusto, in quanto acquisito e compreso nel corso di decine di vite. Fabius

Il risultato è che egli si trova ad essere confuso e quasi incapace di mettere ordine nel suo agire, correndo il rischio di essere sommerso dagli avvenimenti incessanti, o trovandosi nell’impossibilità di prendere decisioni sue personali, in balia di chi gli prospetta le proprie opinioni in maniera più o meno giusta e seria ma, senz’altro, in apparenza più decisa.

Egli finisce, insomma, coll’appartenere a qualcosa che non gli appartiene veramente perché non è nato direttamente dal suo intimo, né scaturisce dal suo sentire, bensì ha la sua genesi in una confusione interiore che gli impedisce di riorganizzare se stesso in maniera consapevole e congrua con il suo vero sentire.

Questo stato frustrante di confusione si riflette, come se si trattasse di una via circolare, sulla società, finendo per innescare una reazione a catena della quale si è perso di vista l’inizio ma, anche, non si riesce a prevedere la fine. Vito

Eppure, se è vero che nulla succede a caso, anche questa situazione, a prima vista così caotica e negativa, deve avere un suo perché.
Se crediamo (come lo crediamo) che tutto quanto succede accade sempre e soltanto per il nostro bene, per tutto questo vi deve essere una spiegazione diversa da quella comunemente accettata che sembra basarsi su un’incapacità di fondo dell’essere umano di essere buono, giusto e onesto. Scifo

Nell’ottica dell’esistenza di un Dio che Tutto E’, che ama le sue creature e nel quale non può esserci posto per l’ingiustizia, anche ciò che palesemente sembra ingiusto deve avere una giustificazione, deve avere una funzione, espletata la quale ciò che appariva ingiusto si rivelerà un male necessario e inevitabile per compiere un salto di qualità e, perciò, in definitiva, si rivelerà un bene. Federico

Vedete, creature, senza confusione, senza tormenti, senza errori come potrebbe l’individuo crescere? Se egli vivesse sempre felice, se si sentisse sempre coerente con se stesso, disponibile con gli altri, in armonia con la realtà, pronto a donare, a sorridere e ad amare non esisterebbe la necessità del suo incarnarsi ancora perché, ormai, ciò che doveva imparare dal suo ciclo evolutivo sarebbe acquisito in via definitiva, decretando la sua uscita dalla ruota delle nascite e delle morti.

Tuttavia la confusione, il dubbio, il tormento, quando non sono più solo appannaggio di pochi ma appartengono alla società, significano che la maggior parte dei suoi componenti si trova ai limiti di quel nuovo stadio di coscienza superiore nel quale sta per entrare. Scifo

Non date ascolto, quindi, alle false e un po’ ridicole Cassandre che proclamano l’appressarsi della fine del mondo, l’avvicinarsi di un conflitto mondiale definitivo, l’inizio dell’ira di un Dio (secondo un concetto ormai superato ma che viene sempre rispolverato allorché torna utile) che, dopo aver creato l’uomo a sua immagine e somiglianza, evidentemente odiando se stesso, scatena la sua collera bizzosa sull’uomo o al massimo, in un impeto di benevolenza, salva pochi eletti (naturalmente Cassandre incluse) magari, scempiaggine suprema, facendoli portare via dall’olocausto finale da astronavi provenienti da stelle lontane! Zifed

Voi che vi siete avvicinati alla spiritualità, lungo qualunque cammino lo abbiate fatto, sapete che non c’è solo la speranza ma, addirittura, la certezza che ciò che vivete prelude ad un uomo nuovo, più giusto, più sensibile, più equilibrato, più consapevole.
E proprio voi, figli nostri, dovreste cercare di essere l’esempio e la testimonianza che ciò in cui dite di credere lo credete veramente, e non solo perché altri vi hanno imposto le loro idee. Moti

Letture per l’interiore: ogni giorno, una lettura spirituale breve del Cerchio Ifior e del Cerchio Firenze 77, su Whatsapp. 
(Solo lettura, non è possibile commentare) Per iscriversi

Certo, anche in ambiente spiritualistico si rispecchia la confusione della società: dissapori, interessi personali neanche troppo celati, personaggi convinti di essere l’unica fonte della Verità, individui che si atteggiano a grandi evoluti, iniziati, santoni e via e via e via, dimostrano in continuazione che il loro stato interiore è ben lungi dal possedere quella dote essenziale senza la quale nessun individuo può affermare di possedere una buona evoluzione: l’umiltà! Scifo

Ognuno di voi, per estrazione sociale o interesse culturale, si sente parte di un gruppo, e questo è giusto, in quanto ognuno ha la propria strada da percorrere, mai esattamente uguale a quella di un altro individuo. 
Ricordate, però che la vostra non è l’unica strada (e guai se così fosse), e che se essa è la migliore per voi, non è mai la migliore in assoluto: la Verità è presente ovunque, anche se in maggiore o minor misura, e le sue parole non hanno padrone né son soggette a diritti di autore di alcun tipo, in quanto appartengono di diritto a chiunque le incontri, le riconosca e le voglia trascrivere nel libro del proprio intimo. Rodolfo

Non siete mai responsabili per la Verità ma, in realtà, siete sempre responsabili dell’uso che di essa fate, e grave sarebbe se un vostro fratello si allontanasse dalla Verità, o rifiutasse di venire a contatto con essa, non per poca disponibilità a farlo ma perché il vostro comportamento, il vostro atteggiamento non solo non dimostra la forza che essa, essendo la Verità, possiede ma, addirittura la svilisce assoggettandola ai vostri bisogni personali. Florian

Siate, perciò, sicuri delle vostre certezze ma sicuri anche che, comunque, esiste sempre una certezza più ampia e aderente alla Verità, senza perdere di vista quell’umiltà così indispensabile per restare aderenti alla vostra vera condizione interiore, quell’umiltà che così vi dovrebbe far dire:

Io credo nelle mie idee, sorelle, sono convinta di ciò in cui credo, fratelli, e sono sicura delle mie convinzioni ma le mie idee possono allargare la loro prospettiva, le mie convinzioni possono essere rese più complete e salde da quelle altrui, la mia sicurezza non può essere un punto fermo sul quale ristagnare, bensì uno scalino sul quale salire per abbracciare una Verità più completa, quella Verità che, sola, mi ama con quell’amore che non conosce definizioni e distinzioni e che io credo, sono convinta, sono sicura, sento che esiste! Viola

E a te, figlio e fratello che critichi ciò che gli altri dicono;
a te che contesti ciò che altri credono perché non combacia con ciò in cui tu credi;
a te che confronti ciò che pensi di sapere non per migliorare la tua saggezza, ma per svalutare a tuo favore l’altrui sapere;
a te che ti ergi a giudice degli altri ritenendoti erroneamente in grado di poterli giudicare, mentre puoi soltanto giudicare te stesso, cosa posso mai dire per indicarti il tuo errore? Baba

Tutti i più grandi e veri Maestri hanno invocato l’unione, la comunione tra gli esseri: cerca, allora, i punti di contatto e costruisci su di essi questa comunione; non notare solo le divergenze diventando distruttivo e, perciò, servitore della confusione che già osservi intorno a te.
E se proprio, per tua limitatezza interiore, non è questo il tuo sentire, io non posso fare altro che sussurrarti, sperando che, nel fragore del tuo Io tu riesca a percepire la mia voce. Moti

Non osservare con occhio malevolo
la fiamma della candela altrui,
deridendola ad ogni alito di vento che la fa tremare,
ma cerca, piuttosto,
di essere un buon custode della tua candela
affinché essa non si spenga
per il tuo poco amore. Labrys


Politica della privacy di questo sito da consultare prima di commentare, o di iscriversi ai feed.


11 commenti su “Spero che, nel fragore del tuo Io, tu riesca a percepire la mia voce”

  1. Un’ esortazione, in generale, a “vivere” il nostro tempo e un richiamo , in particolare, a noi di “vivere” questo nostro tempo, non sprecandolo.
    Un invito a riflettere sulla partecipazione, sulla responsabilità e sull’atteggiamento da mantenere nei confronti di se stessi e della propria dimensione spirituale.
    Grazie.

    Rispondi
    • Due agganci alla narrazione evangelica:
      1) Gesù che è il Signore, nel senso che è padrone della propria vita, fuori quindi da quella confusione di cui si parla e ben ancorato alla sua coscienza;

      2) Gesù a cui viene attribuita la frase stridente: “Io sono la via, la verità e la vita…” a cui fa da contraltare l’assai più verosimile e risuonante frade di Rodolfo: “la Verità è presente ovunque, anche se in maggiore o minor misura”.

      Grazie.

      Rispondi
  2. Relativizzare, dubitare, accogliere, non giudicare…..sono tanti gli insegnamenti che questo post ci ricorda. Da leggere e rileggere!

    “Tuttavia la confusione, il dubbio, il tormento, quando non sono più solo appannaggio di pochi ma appartengono alla società, significano che la maggior parte dei suoi componenti si trova ai limiti di quel nuovo stadio di coscienza superiore nel quale sta per entrare. Scifo”
    Una frase x riflettere sulla sensazione di confusione che in questo periodo vivo più forte che mai anche se non accompagnata dal tormento.

    Un grazie alle guide

    Rispondi
  3. Un post che presenta tanti spunti di riflessione e di grande attualita’. Un unvito a vivere con responsabilita’ e non giudizio , perche’ nulla di cio’ che accade e’ per caso. Lo sento forte in me questo richiamo

    Rispondi
  4. Post che sembra scritto per chi vive la situazione attuale. Poichè tutto ciò che capita è per la nostra evoluzione, possiamo , nell’isolamento, far tacere il fragore dell’io e avere uno sguardo rivolto al nostro interiore. Possa essere questa la volta che tocchiamo con mano che siamo tutti collegati , che quello che capita a un fratello può capitare a me; la volta in cui comprendiamo cos’è veramente il rispetto che dobbiamo avere per l’altro; l’occasione per far scaturire in noi la compassione e il senso di giustizia.

    Rispondi
  5. Proprio stamattina, ho guardato un video che sta girando sui social e, che più di un’amica mi avevano condiviso.
    Si parlava del virus, dalle fake news, dei poteri forti, di complotti e attentati alla democrazia.
    Se da una parte condivido la preoccupazione rispetto alla manipolazione dell’informazione, dall’altra non mi hanno convinto i toni e le allusioni ad eventuali complotti e prese di potere. Non perché non possano rappresentare un pericolo, abbiamo studiato le dittature e tante ancora sono al potere.

    C’erano nei toni e nei modi alcune cose che non mi convinceva e leggendo il post di cui sopra, mi si è chiarito ulteriormente cosa fosse.
    Riporto qui i paragrafi che ho collegato:

    “Il risultato è che egli si trova ad essere confuso e quasi incapace di mettere ordine nel suo agire, correndo il rischio di essere sommerso dagli avvenimenti incessanti, o trovandosi nell’impossibilità di prendere decisioni sue personali, in balia di chi gli prospetta le proprie opinioni in maniera più o meno giusta e seria ma, senz’altro, in apparenza più decisa.

    Egli finisce, insomma, coll’appartenere a qualcosa che non gli appartiene veramente perché non è nato direttamente dal suo intimo, né scaturisce dal suo sentire, bensì ha la sua genesi in una confusione interiore che gli impedisce di riorganizzare se stesso in maniera consapevole e congrua con il suo vero sentire.

    Questo stato frustrante di confusione si riflette, come se si trattasse di una via circolare, sulla società, finendo per innescare una reazione a catena della quale si è perso di vista l’inizio ma, anche, non si riesce a prevedere la fine. Vito”

    Quello che mi è parso di cogliere in queste parole, è sempre la responsabilità personale rispetto agli eventi, alla necessità di fare chiarezza e pulizia all’interno di sé, per evitare di essere in balia appunto di chi sostiene una tesi piuttosto che un’altra.
    Ma se, osservare gli eventi e darne una lettura esistenziale, ha un senso per coloro che si ritrovano in un paradigma come il nostro, dall’altro c’è la possibilità che agisca su molte menti per rafforzare l’idea che esiste un male da una parte e un bene dall’altra.
    Le parole di Labys, in chiusura, sono un ulteriore monito a perseverare nel rafforzamento della nostra interiorità e non andando a cercare nemici al di fuori.

    Rispondi
  6. Molti spunti per riflettere .
    Ognuno percorre la strada che sente più vicino, la Verità è presente ovunque,
    anche se in maggior o minor misura.

    Rispondi
  7. Come già detto gli spunti su cui riflettere sono molti.
    Risuona in me sempre forte il concetto della responsabilità.
    Essa aumenta con l’aumentare delle comprensioni con un andamento quasi esponenziale.
    La manifestazione di ciò che si è compreso del Reale diventa sempre più un obbligo e non una scelta e nella confusione che ci circonda è d’obbligo fermarsi, riflettere, guardarsi dentro, cercare la Verità.
    E’ quindi un meccanismo concatenato che si autoalimenta con l’ampliarsi del sentire.
    Mi sovviene anche la questione del costo energetico di tale atteggiamento nel quotidiano. Aderire al concetto sopra espresso nello svolgimento dei propri ruoli terreni comporta a mio avviso una dispersione energetica notevole. Responsabilità quindi anche nell’essere capaci a mantenere un equilibrio di tutti i corpi per poter essere espressione , testimonianza di ciò che tutto muove.

    Rispondi

Lascia un commento